Antipasti, Secondi

Involtini di tacchino in gelatina


  - Involtini di tacchino in gelatina -

Gli involtini in gelatina con ripieno di insalata russa di solito li preparo con il prosciutto cotto, questa volta per cambiare ho provato a farli con la fesa di tacchino arrosto.
E' un piatto fresco che d'estate, accompagnato da un'insalatina,  qualche volta  mi risolve il problema della cena, ma il più delle volte lo servo come antipasto. E' molto semplice, richiede solo un po'di tempo la preparazione dell'insalata russa, che però se non avete voglia di farla in casa e avete una gastronomia di fiducia nessuno vi vieta di comprarla già pronta.

 

 

 

Involtini di tacchino in gelatina

Per la maionese

1 uovo
1 tuorlo
350 g di olio di semi di girasole
Il succo di mezzo limone
sale

Per l’insalata russa

100 g di carote
400 g di patate
150 g di piselli
Maionese
Sale

Per gli involtini

10 fettine di fesa di tacchino arrosto
Insalata russa
½ litro di brodo vegetale chiarificato*
2 g di agar agar in polvere
1 cucchiaio di cognac

 
 Preparare la maionese (io con il bimby):

Mettere nel boccale, le uova, il succo di limone e il sale 1 min. vel. 4, alzare la velocità a 5 e versare l’olio a filo, tenendo il misurino capovolto.

Preparare l’insalata russa:

Tagliare le carote e le patate a dadini  della stessa grandezza dei piselli, cuocere a vapore tutte le verdure lasciandole un pò al dente, quindi salarle e farle raffreddare in una ciotola tenendo da parte la metà delle patate.

Mescolare la maionese (per la quantità regolatevi secondo il vostro gusto) con le patate messe da parte e schiacciate con uno schiacciapatate. Il composto ottenuto unirlo alle verdure raffreddate, mescolare bene ed eventualmente aggiustare di sale.

Preparare gli involtini:

In un pentolino portare ad ebollizione il brodo chiarificato* con il cognac, unire l’agar agar precedentemente sciolto in poca acqua.  Lasciare sul fuoco un paio di minuti sempre mescolando e dopo far raffreddare.

Nel frattempo riempire con l’insalata russa le fette di  tacchino e arrotolarle in modo da formare tanti involtini, sistemarli in una pirofila e coprirli con la gelatina. Far raffreddare in frigorifero per qualche ora.

*(Qui potete vedere il procedimento per la chiarificazione del brodo)


firma

20 Responses

  1. immagino siano davvero deliziosi… posso assaggiare?! mi hai fatto venire una fame…

  2. Eccoli st'involtini.. è da ieri che vedo il titolo nel blogroll ma come cliccavo mi dava post inesistente! M'avevano incuriosita molto.. sono buonissimi.. Io non ho mai fatto nè l'insalata russa.. nè la maionese in casa.. dovrò rimediare!!!! smack .-D buon w.e.

  3. Questi involtini mi ricordano l'infanzia, li preparava sempre una vicina di casa di mia zia, io non li ho mai fatti, mi sdubbiava la preparazione della gelatina,ma con la tua ricetta mi sa che 'st'estate si replica!!!Bacioni e buon WE!

  4. Che buoni questi involtini e soprattutto mi piacciono perché non serve usare troppo i fornelli 😉

  5. l'insalata russa fatta in casa è troppo buona!!! questo è uno di quei piatti che rinfrescano e stuzzicano l'appetito!!! .. hai il bimby?? io l'ho usato ma non l'ho comprato!! per certe cose è davvero utile!!

  6. Ma che bella idea!!!
    Sono davvero sfiziosissimi questi involtini! Mi piacciono un sacco! 😀

  7. gli ingredienti (l'insalata russa e la fesa di tacchino) li adoro già separatamente….figuriamoci insieme! è una bellissima idea, specie per preparare un antipasto in anticipo.

    ciao, buon w.e.

  8. Bellissimi e buonissimi! In estate poi è così difficile mangiare la carne.. la soluzione che proponi mi piace proprio:)
    a presto!

  9. Mia cognata ne fa fuori a chili di questi involtini. Le devo proporre la tua alternativa col tacchino. Un bacione, buon we

  10. l'insalata russa non mi piace molto …però questi involtini sono un piatto fresco per l'estate.buon week cara

  11. ciao e grazie della visita, fai delle foto bellissime magari guardando potrei imparare io sono un disastro, adesso ti messo nel mi elenco così ti seguo, a presto con i miei lieviti….;-)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Comments *