Primi piatti

Pasta al doppio germe di grano con ragù

pasta


- Pasta al doppio germe di grano con ragù -

Scusate l’involontaria assenza prolungata.

Ho tante ricette pronte per essere postate, ma purtroppo sono ancora senza ADSL. Sarà normale un’attesa di quasi due mesi per avere un servizio che nel 2014 dovrebbe essere erogato, non dico immediatamente – siamo pur sempre in Italia – ma nel giro di pochi giorni? Ormai non ho più parole, non mi resta che mettermi buona e pazientare, tanto arrabbiarsi non serve a nulla.

Mettiamola così, ne approfitto per prendermi una pausa disintossicante dal Web; che ogni tanto fa anche bene!

La ricetta di oggi è un piatto di pasta particolare nella forma, ma anche per la presenza di un ingrediente non presente nella pasta comune: il germe di grano. Cioè il cuore del chicco, ricco di vitamine e proteine vegetali, che dona alla pasta un profumo intenso e un sapore più deciso. Voi l'avete mai provata?

L’avevo presa nel negozio di amici dietro loro consiglio, proprio negli ultimi giorni a Trieste. Devo riconoscere che è veramente buona! Peccato non averne fatto una scorta più sostanziosa. L’ho preparata con un semplice ragù, mi sembrava il condimento giusto per gustarla al meglio.

 

Pasta al doppio germe di grano con ragù
Porzioni 4
Primi piatti
Vota
⎙ Stampa
Tempo di Preparazione
30 min
Tempo di Cottura
2 h 10 min
Tempo Totale
2 h 40 min
Tempo di Preparazione
30 min
Tempo di Cottura
2 h 10 min
Tempo Totale
2 h 40 min
Ingredienti
  1. 320 g di riccioline al doppio germe di grano
  2. 300 g di carne macinata
  3. 150 g di salsiccia fresca
  4. 150 g di passata di pomodoro
  5. ½ bicchiere di vino rosso
  6. Misto per soffritto (trito di carota, sedano, cipolla e aglio)
  7. Timo
  8. Rosmarino
  9. Olio extravergine di oliva
  10. Sale
  11. Parmigiano grattugiato
Procedimento
  1. In una casseruola adatta alle lunghe cotture ho fatto soffriggere, in qualche cucchiaio di olio, il misto per soffritto e le erbe aromatiche tritate.
  2. Ho aggiunto la carne macinata e la salsiccia sbriciolata.
  3. Quando erano ben rosolate ho sfumato con il vino, quindi ho aggiunto anche la passata di pomodoro, ho salato, ho coperto e ho fatto cuocere a fuoco lento per un paio di ore.
  4. Ho fatto cuocere la pasta in abbondante acqua salata e ho condito con il ragù e una spolverata di parmigiano grattugiato.
Cucina Italiana Blog by Fiordirosmarino http://www.cucinaitalianablog.it/

 

Piatto Villa d'Este Home

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


firma

RelatedPost

3 Responses

  1. Conosco bene questo tipo di pasta, e' la mia preferita.
    Perfetta con il ragù.
    Brava Donatella,un abbraccio.

  2. Giuro che non voglio demoralizzarti ma io l'ADSL la sto aspettando da un anno e mezzo e penso proprio non arriverà mai dove abito io, è vergognoso…non è che vivo sul 35oo mt…in c…oda al mondo tra vari esperimenti di chiavette varie ora ho preso il cube della tre e mi trovo bene. Consoliamoci con la tua FANTASTICA pasta và! Io mi devo consolare molto… posso avere il bis?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Comments *