Primi piatti

Risotto con topinambur e toma di Lanzo


- Risotto con topinambur e toma di Lanzo - 

I topinambur sono buonissimi, io li adoro e li mangerei in continuazione. Hanno un sapore particolare, un po' dolciastro, un misto tra i carciofi, le patate e i cardi... e anche la consistenza è molto simile a quella delle patate. Si possono utilizzare per preparare delle vellutate, delle torte salate, degli sformati, degli gnocchi, si possono mangiare crudi, tagliati sottilmente e conditi con olio, limone e pepe...sono ottimi preparati in svariati modi, basterà un po' di fantasia per portare in tavola un piatto da leccarsi i baffi. 

Oggi ve li presento sotto forma di risotto mantecato con la toma di Lanzo (Lanzo è una piccola cittadina della provincia di Torino situata ai piedi della Valle omonima). Il sapore deciso della toma è perfetto per contrastare quello dolce dei topinambur.

 

 

 

Risotto con topinambur e toma di Lanzo

Ingredienti per 4 persone

280 g di riso vialone nano
4  topinambur
1 scalogno
120 g di toma di Lanzo
2 cucchiai di grana padano grattugiato
q.b. brodo vegetale
1 bicchierino di vino bianco
Olio evo 
Prezzemolo fresco

Per il brodo vegetale

1 litro di acqua
1 carota
1 cipolla rossa
1 costa di sedano
1 mazzetto di prezzemolo
Sale

Preparare il brodo: in una pentola unire  tutti gli ingredienti, coprire e cuocere per un’ora e mezza circa.

Pelare i topinambur, lavarli e tagliarli a rondelle.

In una casseruola soffriggere leggermente lo scalogno affettato sottilmente in due cucchiai di olio. Unire i topinambur e cuocere per cinque minuti.

Aggiungere il riso, tostarlo e poi sfumare con il vino bianco. Aggiungere un paio di mestoli di brodo e continuare  la cottura a fuoco dolce con coperchio, bagnando di tanto in tanto con il brodo.

A fine cottura mantecare con due cucchiai di grana grattugiato e la toma di Lanzo tagliata a dadini.

Servire con una fettina di toma adagiata in cima al risotto e cospargere
con prezzemolo fresco tritato grossolanamente.

 

Altre ricette con i topinambur:

Zuppa di topinambur e porri
Sformatini di topinambur
Vellutata di zucca e topinambur
Gateau a strati di patate, zucca e topinambur

 

 

 


firma

20 Responses

  1. Si.. la mia amcia Cristina me mne parla semrpe de sto topinambur.. ma a me sai cosa mi frena nel comrparlo? il pulirlo! La vedo difficile come cosa.. Però.. dovrò superare sto blocco.. perchè m'incuriosisce troppo! Il tuo risottino deve essere di un nuono.. baci e buona giornata 🙂

  2. Quanto tempo che non li mangio!
    Prima venivano spesso presentati a tavola.
    Devo rimediare perché l'omone non li conosce!
    Mi hai spinto decisamente…magari provo pure il tuo risotto!
    Buona giornata!

  3. Un risotto davvero accattivante…li ho mangiati al nord i topinambur qui a napoli sono introvabili!!Baci,imma

  4. Dall'incrocio che descrivi (carciofo e patata) penso proprio mi piacerebbe… Il risotto è davvero invitante. Non appena trovo i topinambur, lo preparerò con questa ricetta!
    A presto,
    Ellen

  5. un risotto coi fiocchi, dico la verità, io sono appassionata di risotti ben fatti e il tuo è proprio bello, compresi i topinambur…un abbraccio

  6. wowww anche da te topinambur ed io che no li ho mai assaggiati 🙁 uffa credo proprio che mi piacciono se è tra un carciofo e una patata il suo sapore ….buonisismo questo risotto

  7. carissima come conosco bene la toma di Lanzo , abito molto vicino a questo meraviglioso paese di montagna, e confermo che è un formaggio divino, peccato che non riesca mai a usarlo in cucina perchè lo mangio prima in nature! Ciao un grande abbraccio , a presto!

  8. Mio nonno era di Lanzo ed anche dopo essersi trasferito in città continuava a tornare a prendere la sua amata toma che, a suo dire, non aveva eguali!
    La proponeva in ogni contesto e non finiva un pasto senza averne mangiato almeno un pezzetto ed ogni volta quel boccone era accompagnato da un piccolo monologo volto a decantare le virtù dell'impareggiabile formaggio.
    Ah…..come sarebbe orgoglioso oggi il mio nonno:))))

    Un abbraccio

    Fabiana

  9. Mi hai fatto tornare alla mente Lanzo, luogo dei miei campeggi con l'oratorio, ci sono andata per un po di anni e ricordo quel formaggio…. Anche a me piace molto il topinambur ha un sapore delicato che si sposa benissimo in tante preparazioni, baci

  10. Sono sempre più curiosa di scoprire i topinambur. Il tuo risotto ha un aspetto delizioso e a quest'ora avrei tanta voglia di infilare la forchetta nel piatto :D! Un bacione, buon we

  11. Proprio l'altro giorno li ho visti al supermercato, ma ero un po' titubante, non sapevo assolutamente come usarli…
    Adesso devo dire che ho ispirazione a volontà per provarli.Direi che con questo freddo iniziare da un buon risotto non sarebbe mica male!
    ciao e alla prossima
    Ale

  12. Mi piace, mi piace, mi piace! Adoro i risotti, specie se così "candidi" e mantecati con il formaggio, l'abbinamento mi fa gola, anche se ho scoperto da poco questo tubero mi è piaciuto subito, non l'ho ancora provato con il risotto, grazie dell'idea!

  13. Non conosco i topinambur ( mai visti a Trapani)…peccato,mi sarebbe piaciuto provare questo bellissimo risotto.
    Un abbraccio.

  14. carissima come stai??? Tutto bene??? E' da un sacco che non passo da te…….favoloso questo risotto e bellissime come sempre le tue creazioni….un forte abbraccio stefy

  15. Ciao Donatella,
    mi piacciono molto i topinambur ma non so mai come cucinarli… ottima l'idea della vellutata di topinambur e zucca che segnali tra le altre ricette, la proverò sicuramente!
    Volevo dirti che oggi ho segnalato il tuo bellissimo blog nella pagina del mio blog dedicata all'iniziativa intitolata TI DONO UN BLOG di Gaia di Pane e Acqua di Rose.
    Se vuoi darci un'occhiata ecco il link http://glamourcooking.blogspot.it/p/calendario-dellavvento-ti-dono-un-blog.html
    grazie per le tue bellissime ricette!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name *

Your website *

Comments *